Jerez Go Eleven, sempre più vicino alla vetta

Jerez Go Eleven, sempre più vicino alla vetta

Nel week end spagnolo Roman ha conquistato l’attenzione dei riflettori, miglior pilota spagnolo in qualifica passando direttamente in Q2 dopo un venerdì che lo ha visto al comando della classifica per oltre 20 minuti.
Niente da dire quindi, le prove e le qualifica questa volta sono andate molto bene ed i suoi tempi erano molto vicini alla pole position.
In gara 1 soffre la perdita di aderenza dello pneumatico anteriore, probabilmente un errore nella scelta della mescola non gli ha consentito di lottare per la sesta posizione finale, ma ottiene una meritatissima top ten a soli 18 secondi dal vincitore, nonché neocampione del mondo Rea.
Gara 2, parte bene ma una bandiera rossa ferma la gara al primo giro.
Si riparte con un giro in meno, e subito si accende la lotta con Guintoli, Mercado e Torres, sembra che Roman riesca ad avere la meglio su questo gruppetto ma dopo qualche giro commette un piccolo errore nello scambio di sorpassi con Guintolì e perde un po’ di terreno, sul finale poi supera Camier all’ultimo giro concludendo undicesimo.
Kazuki in questo fine settimana non è mai riuscito a trovare il feeling con la moto e con questo tracciato, tutti i piloti erano racchiusi in un gap piccolissimo e questo crea un campionato di altissimo livello, soprattutto per un esordiente.
Gino Rea non entra in Q2 per 1 millesimo di secondo, ma il suo passo gara è molto buono ed anche se le qualifiche non sono andate come le aspettative parte dalla sedicesima casella sapendo di poter fare una buona gara, e così è stato, rimontando fino alla nona posizione. Bellissimo il finale dove con due sorpassi stupendi si porta davanti a Gamarino e Canducci.

Roman Ramos 40 (WorldSBK race 1; 10th): Dopo un fine settimana come questo mi aspettavo una gara diversa, ma facevo molta fatica con la gomma anteriore, sembrava una gomma diversa rispetto alle prove e scivolava tanto. Alla fine una top ten per noi è sempre importante e la cosa positiva è che siamo stati velocissimi in prova, questo evidenzia la nostra crescita.

Roman Ramos 40 (WorldSBK race 2; 11th):
Oggi avevo il passo per ottenere un risultato molto importante, ma ero al limite con tutto, ho dato il massimo cercando di guidare oltre il limite ma purtroppo ho commesso due piccoli errori. Per stare davanti ci manca ancora qualcosa ma il team sta lavorando alla grande e siamo sempre più vicini, questo ci dà motivazione e soddisfazione.

Gino Rea 4 (WorldSS race; 9th):
Finalmente un week end dove è andato tutto bene, nessun imprevisto! Il venerdì non avevo feeling con la moto ma poi turno dopo turno abbiamo costantemente migliorato, in gara mi sentivo bene. Peccato aver commesso un errore in qualifica, se fossimo partiti più avanti sarebbe stata un’altra gara. Oggi sono contento e mi sono divertito a lottare.

Kazuki Watanabe 26 (WorldSS race; 22th):
Qui avevamo fatto i test durante l’inverno ed ero convinto di poter fare molto bene, invece è stata la peggior gara dell’anno. Abbiamo stravolto la moto, ma non sono mai riuscito nemmeno a rifare i tempi del test. Mi dispiace, ma voglio dimenticare questo week end con un buon finale di stagione in Qatar, non vedo l ora di riscattarmi.

Denis Sacchetti (Team Manager):
Siamo sempre più vicini alla vetta, stiamo arrivando!
Torniamo a casa orgogliosi di noi stessi, il lavoro fatto fino ad oggi sulla nostra superbike ci sta dando i risultati, in questo fine settimana Roman è stato magico.
In supersport la sostituzione di un componente dello staff tecnico ci ha dato le risposte che cercavamo, ora tutto è tornato alla normalità, è un peccato essere già a fine stagione.

ASDFGHJ

Qatar, si accendono le luci

Sarà una notte magica a Losail, la Worldsbk romperà il silenzio del deserto e le stelle del mondiale si sfideranno…

LEGGI